Al tavolo tematico sul personale ATA aperto con il MIUR, la FLC CGIL ha posto all’attenzione dell’Amministrazione le seguenti problematiche e avanzato le relative proposte:

 Organico

Tale questione va affrontata sotto un triplice aspetto: la trasformazione dei posti di organico di fatto in organico di diritto; la revisione dei criteri di determinazione delle tabelle organiche; il recupero dei tagli operati su questa parte di personale a partire dal 2008 per arrivare agli ultimi tagli del 2015 (2.000 unità mai più recuperate).

Queste richieste sono motivate dal fatto che è ormai provato che non basta più recuperare il turn over dal momento che ciclicamente occorre ricorrere all’organico di fatto (ormai stabilizzatosi in circa 10.000 posti di anno in anno) e dalla necessità di garantire la sorveglianza e la sicurezza ai piani e negli ambienti scolastici (il recente incidente mortale in una scuola di Milano è un monito al decisore politico che non va ignorato) oggi messe in forse dalla mancanza di personale.

Supplenze personale Ata

È necessario utilizzare il primo vettore normativo utile per elimini gli attuali vincoli di legge che limitano il conferimento delle supplenze al personale ATA in caso di sostituzione dei colleghi assenti.

Concorso riservato per gli assistenti amministrativi facenti funzione di DSGA

Ci attendiamo che il Ministro rispetti gli impegni assunti in sede di Intesa del 1° ottobre 2019 circa lo svolgimento di una procedura concorsuale riservata agli assistenti amministrativi facenti funzione di DSGA che abbiano svolto tre anni di incarico. Ogni altra soluzione non è accettabile. Auspichiamo che il DL licenziato dal Consiglio dei Ministri il 10 ottobre scorso non subisca altri intoppi e/o ritardi.

Ex cococo assistenti amministrativi e tecnici

Occorre mettere fine alla vicenda degli ex cococo, che, passati di ruolo due anni fa, sono costretti a subire un trattamento economico inferiore a quanto percepivano nella condizione precedente. Ciò si può ottenere attraverso un provvedimento normativo o attraverso la possibilità di accedere al completamento di orario con contratto a tempo determinato.

Riattivazione delle posizioni economiche

È divenuta da tempo situazione inaccettabile la vicenda della mancata attivazione delle acquisizioni delle posizioni economiche per l’inerzia dell’amministrazione che non tiene i corsi propedeutici a detta acquisizione. Occorre sbloccare questa situazione che non ha giustificazioni e non è più sostenibile da nessun punto di vista.

Il sistema passweb non deve essere a carico della scuola

È necessario intervenire con chiarezza da parte del Ministero affinché le scuole non vengano costrette a farsi carico di tutta la procedura di certificazione pensionistica del personale che si pone in quiescenza, come sta avvenendo con gli accordi territoriali fra USR e INPS.

Semplificazione amministrativa

Come FLC CGIL abbiamo riproposto ancora una volta il tema della armonizzazione dei tempi fra quelli delle amministrazioni centrali e quelli della scuola. Le misure pensate per la generalità delle amministrazioni si applicano dal primo gennaio, quelle della scuola dal primo settembre. Occorre allora una norma che prescriva che ogni provvedimento riguardante anche la scuola abbia attuazione dal primo settembre. Nella stessa norma o con altro provvedimento si dovrebbe anche prescrivere che qualsiasi tipo di graduatoria, se non pronta per il primo settembre, abbiano valenza dal 1° settembre dell’anno successivo (si eviterebbe così il balletto del personale di inizio d’anno).

La posizione dell’Amministrazione

Il Capo dipartimento, nel riconoscere la titolarità del tavolo tematico ad avanzare proposte di soluzione sui temi trattati, ha precisato che per quanto riguarda la questione dell’organico in tutti i suoi aspetti (immissione in ruolo, revisione dei criteri di determinazione delle tabelle organiche, ex cococo) l’Amministrazione, anche in coerenza con gli impegni assunti pubblicamente dal Ministro, è impegnata a reperire le risorse con cui far fronte ai problemi sollevati nell’incontro a partire dalla legge di stabilità in corso di discussione e approvazione.

Per quanto riguarda la formazione del personale ai fini dell’accesso alle posizioni economiche si può far ripartire il meccanismo anche attraverso il reperimento delle risorse già esistenti per la formazione.

Per il concorso riservato valgono gli impegni assunti dal Ministro che dovrebbero trovare posto nel Decreto legge che è stato firmato dal Presidente della Repubblica e dovrebbe essere ad horas in Gazzetta Ufficiale.

Per quanto riguarda, infine, la questione passweb, l’Amministrazione, ha informato che lunedì 28 ottobre il MIUR incontrerà il Direttore generale dell’INPS per discutere dell’argomento, impegnandosi a riconvocare il tavolo per mettere al corrente degli sviluppi della situazione.

D’accordo anche a prendere in carico la questione delle semplificazioni amministrative così come poste dalla FLC CGIL.

Conclusioni

Il tavolo sarà aggiornato man mano che le questioni sollevate saranno oggetto di iniziativa e di confronto a livello parlamentare, politico o amministrativo.