Stampa
Categoria: Notizie

Secondo una ricerca Eurobarometro effettuata nel 2019 in tutti i 28 Stati membri, l'indice di gradimento dell'Europa tra i giovani è sempre più alto. In particolare, l'affluenza complessiva alle elezioni europee del 2019 è aumentata di 8 punti, raggiungendo il 50,6%, e il sondaggio suggerisce che il dato è dovuto proprio alla grande partecipazione di giovani e elettori che hanno votato per la prima volta. Il 42% dei cittadini di età 16/18-24 anni ha infatti risposto di essersi recato a votare.

Per stimolare una riflessione e la condivisione dell'idea di Unione Europea che hanno le nuove generazioni, il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR) e il Dipartimento per le Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, hanno indetto il Concorso nazionale "Comunica l'Europa che vorresti", rivolto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, per l'anno scolastico 2019-2020.

L'iniziativa punta proprio ad analizzare in maniera propositiva il presente e il futuro dell'Europa, nonché a individuare una modalità efficace di comunicare queste riflessioni. I partecipanti al concorso sono chiamati ad elaborare un video in grado di trasmettere una visione dell'Unione europea che prenda spunto dai temi della nuova Agenda strategica, nell'ottica di chi è "nato europeo" e desidera illustrare ai suoi coetanei le proprie idee in modo emozionale, creativo e coinvolgente

Il video, della durata massima di 3 minuti, potrà essere realizzato con smartphone, videocamera  o con il software di video editing ritenuto più appropriato, corredato dalla scheda sintetica allegata al bando di concorso.

Possono partecipare al concorso - come intera classe - gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado del territorio nazionale. Non saranno presi in considerazione elaborati provenienti da singoli studenti. I video, insieme alla scheda tecnica, dovranno essere inviati entro la data del 30 marzo all'indirizzo email pubblicato sul bando di concorso.

Una commissione paritetica MIUR - Dipartimento per le Politiche Europee provvederà alla valutazione dei lavori pervenuti, alla selezione dei migliori video prodotti dalle classi partecipanti e all'individuazione delle tre classi vincitrici.

Il premio consisterà in una visita alle istituzioni europee a Bruxelles organizzata dal Dipartimento per le Politiche Europee e dal MIUR, in collaborazione con gli Uffici del Parlamento europeo e della Commissione europea. Per ogni ulteriore informazione si rimanda al bando del concorso.

Il progetto è realizzato con il contributo della Commissione Europea. Dei contenuti editoriali sono ideatori e responsabili gli autori degli articoli. La Commissione non può essere ritenuta responsabile per qualsivoglia uso fatto delle informazioni e opinioni riportate.