Oggi pomeriggio l'amico Fosco è venuto meno all'affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici, lasciando in noi tutti un vuoto incolmabile.

Fosco per decenni ha rappresentato per tutti coloro che si avvicinavano alla nostra organizzazione un esempio per la sua incrollabile fede nei valori del sindacato, cui aveva aderito fin dall'inizio del suo lungo percorso di docente e nel quale si era impegnato senza mai nulla chiedere.

Fosco è stato per noi docenti anche un maestro spingendoci a credere nella missione della scuola per il progresso culturale delle nuove generazioni, progresso che per lui andava sostenuto attraverso un lavoro in classe sempre basato sulle metodologie didattiche più agggiornate e con una grande disponibilità all'ascolto e al sostegno degli studenti.

Per la sua fede nella cultura, Fosco è stato anche il fondatore e l'animatore della sezione di PROTEO, associazione che oggi perde il suo principale sostenitore e animatore.

Ma Fosco era, soprattutto, per noi tutti, membri del Direttivo, della Segreteria e di quanti hanno avuto la fortuna di conoscerlo un sincero amico cui tutti potevamo ricorrere ogni qualvolta si era in difficoltà, sicuri che non avremmo mai ricevuto  da parte sua un rifiuto e certi che si sarebbe prodigato con il suo solito burbero sorriso.

Il dolore che sentiamo è lo stesso di quello che proveremmo per un nostro più caro parente e preghiamo la famiglia di accogliere le più sentite e sincere condoglianze.

Caro Fosco non ti dimenticheremo.

(la camera ardente venerdì mattina presso l'ospedale Santa Maria Goretti e sabato alle 10 cerimonia laica presso la camera del lavoro di Latina)