Per i lavoratori fragili ricompresi in questa tipologia (in condizione di rischio per gravi patologie/svolgimento di terapie salvavita oppure con disabilità di cui all’art. 3 comma 3, L. 104/92), l’art. 26, comma 1-bis, della L. 126/2020 di conversione del DL 104/20, che ha modificato l’art. 26, comma 2 della L. 27/2020 di conversione del DL 18/2020, ha disposto che i periodi di assenza dal servizio fino al 15 ottobre certificati dalle autorità sanitarie competenti nonché dal medico di base siano equiparati al ricovero ospedaliero e che non diano diritto alla monetizzazione delle eventuali ferie non godute.

 Per il personale della scuola gli art. 17 comma 9 (personale a t.i.) e art.19 comma 15 (personale a t.d) del CCNL 2006-2009 prevedono che i periodi di assenza per grave patologia siano esclusi dal periodo di comporto.Sono altresì esclusi dall’obbligo di reperibilità dal DM 206/2007.

Lo stesso art. 26, comma 1-bis, della L. 126/2020 prevede che, a partire dal 16 ottobre e fino al 31 dicembre 2020, i suddetti lavoratori fragili, se in servizio, svolgano di norma la prestazione lavorativa in modalità agile, “anche in diversa mansione ricompresa nella medesima categoria o area di inquadramento, come definite dal contratti collettivi vigenti”.

Il comma 1-ter dell’art. 26 della L. 126/2020 precisa infine che, sia nel caso di assenza per malattia, che nel caso di svolgimento di lavoro agile, viene garantita la sostituzione del personale docente e ATA della scuola