Si apprende con sconcerto che sono stati bloccati i pagamenti degli stipendi relativi a contratti di supplenza inseriti con il codice N-19, legato all'emergenza sanitaria.

Già  il ministero dell'istruzione con la nota 8615 del 5 aprile 2020 aveva di fatto bloccato l'attivazione delle proroghe e di nuovi contratti di supplenza, mentre le prime indicazioni fornite con la nota 392 del 18 marzo 2020 davano indicazioni diverse e hanno permesso alle scuole di inserire a sistema i contratti il cui pagamento oggi viene bloccato.

La FLC CGIL chiediamo che si dia la copertura finanziaria per tutelare chi ha già stipulato i contratti e ha lavorato.

Rimane non risolto il problema di tutti quei lavoratori licenziati che in forza della norma avrebbero avuto diritto alla proroga e che si chiede siano tutelati in un momento così difficile come quello che stiamo attraversando.