Le forme di assistenza del familiare disabile da parte del dipendente che fruisce del relativo permesso sono variabili in relazione alle specifiche e concrete esigenze del disabile.

Un’impresa aveva licenziato un dipendente, che nelle giornate di permesso per assistere una familiare disabile dedicava all’assistenza le sole ore serali e notturne, riducendo così, secondo la società, la prescritta assistenza e cura a mera convivenza.
Il licenziamento è stato annullato, col placet della Corte, dai giudici di merito, che hanno accertato la corrispondenza della concentrazione dell’assistenza nelle ore serali e notturne all’esigenza di impedire alla disabile il suicidio, più volte tentato nel recente passato.

2019 08 20 Corte di cassazione sentenza n. 21529 forme di assistenza al familiare disabile_sentenzaCass. 21529 19