Il Decreto legislativo 66/17 ha dato attuazione a una delle deleghe contenute nella legge 107/15 e interviene in materia di inclusione scolastica degli studenti con disabilità.
Il Decreto parte da una affermazione che è in linea con gli assunti della legge 517 del 1977: l’inclusione scolastica riguarda le alunne e gli alunni, gli studenti e le studentesse con disabilità a cui deve essere assicurata una identità culturale, educativa, progettuale sia a livello di organizzazione scolastica che di curricolo formativo.

 La principale novità è l’obiettivo – espressamente dichiarato – di promuovere la partecipazione di famiglie e associazioni di riferimento nei processi di inclusione scolastica e sociale.
Le disposizioni contenute nel Decreto riguardano gli studenti che hanno una certificazione di disabilità ai sensi dell’articolo 3 della legge 104 del 1992.

Nel ridefinire le competenze reciproche di Stato ed Enti locali in materia di inclusione scolastica, quindi personale, contributi economici, trasporti, etc., il Decreto introduce diverse novità:
l’assegnazione degli organici del personale ATA alle scuole, nel rispetto dei tetti massimi previsti dalla legislazione vigente, deve tenere conto della presenza di alunni disabili iscritti;
• l’assegnazione dei collaboratori scolastici per compiti di assistenza previsti dal profilo deve tenere conto anche del genere sessuale dell’alunno da assistere;
• entro 180 giorni dall’entrata in vigore del decreto in sede di Conferenza permanente Stato-Regioni e province autonome di Trento e Bolzano vanno definiti i criteri per uniformare i profili professionali degli assistenti all’autonomia e alla comunicazione.
Nel processo di valutazione delle scuole definito dal DPR 80/13 anche l’inclusione diventa parametro di riferimento, infatti l’INVALSI dovrà definire gli indicatori dell’inclusività da utilizzare nei processi di autovalutazione delle scuole (RAV).

Il Decreto modifica le procedure per la certificazione della disabilità:
• la commissione multidisciplinare redige il Profilo di Funzionamento, un documento che sostituisce la Diagnosi Funzionale e il Profilo Dinamico-Funzionale e definisce competenze professionali e misure di sostegno necessarie all’inclusione scolastica.
• Sulla base del Profilo di Funzionamento viene poi predisposto il PEI, redatto dai docenti della classe, con la compartecipazione di genitori e figure professionali
specifiche, interne ed esterne alla scuola.
• Il Piano per l’inclusione, recepito dal PTOF di ogni istituzione scolastica, definisce l’utilizzo delle risorse umane, finanziarie e strumentali.

Il Decreto modifica i gruppi di lavoro che hanno nel tempo supportato i processi di inclusione, ridistribuendo le competenze interne ed esterne alla scuola.
• Il Gruppo di lavoro interistituzionale (GLIR) opera presso ogni Ufficio scolastico regionale per il supporto all’inclusione e alla formazione del personale.
• Il Gruppo territoriale per l’inclusione (GIT) opera presso ciascun ambito territoriale, riceve le proposte di organico di sostegno delle scuole, le valuta per
presentare la proposta all’USR.
• Il Gruppo di lavoro per l’inclusione (GLI) supporta il Collegio dei docenti nella definizione del Piano di Inclusione; è composto dai docenti, dal personale ATA, dagli specialisti della ASL di riferimento. Per la scrittura e l’attuazione del piano di inclusione, il GLI si avvale anche del supporto degli studenti, dei genitori e delle associazioni delle persone con disabilità.

Il Decreto affronta il tema della continuità didattica, proponendo alle scuole due soluzioni:
• il dirigente scolastico può affidare ai docenti dell’organico dell’autonomia, titolari su posto comune ma in possesso del titolo di specializzazione, lo svolgimento di attività di sostegno;
• il dirigente scolastico può proporre ulteriori contratti a tempo determinato ai supplenti che abbiano avuto una supplenza sul sostegno nell’anno precedente.
Infine la norma interviene anche sulla permanenza del personale docente nel ruolo del sostegno, confermando l’obbligo dei 5 anni prima di poter chiedere il passaggio su cattedra o posto comune.